12/07/19

COME VALORIZZARE IL GIARDINO IN ESTATE


In estate gli spazi esterni sono protagonisti indiscussi delle nostre giornate. Finalmente possiamo goderci il giardino e tutti gli spazi outdoor come si conviene: una grigliata, un aperitivo al tramonto, una cena con gli amici immersi nel verde del nostro prato. Per poter però vivere il giardino al meglio delle sue possibilità, dobbiamo anche metterlo nelle condizioni di essere ospitale e accogliente, ovvero arredarlo nel modo giusto. Vediamo quindi qualche consiglio per poterlo fare al meglio.

Arredi e accessori giusti

Per prima cosa bisogna capire come scegliere gli arredi giusti per valorizzare un giardino, e qui non si può che cominciare da un elemento importante: la piscina. Se lo spazio esterno è abbastanza grande, infatti, si può anche pensare all'installazione di questo complemento così utile e, sicuramente, rinfrescante. Il tutto, per altro, senza dover fare per forza lavori in casa e dover pensare di doverla mantenere anche in inverno: esistono infatti opzioni come le piscine fuori terra, gonfiabili ma anche di design che possono essere installate e rimosse a fine estate.  Una seconda soluzione da prendere in considerazione per l’arredo del giardino è quella di puntare alla creazione di un angolo relax. Le regole principali? La presenza di una piattaforma stabile, di un bel divanetto insieme ad altre sedute, e di un gazebo o di un ombrellone per combattere il sole diretto. Anche l’amaca è una bella opzione, a patto di avere un giardino con degli alberi, ovviamente. Infine, per l’arredo giardino, si consiglia di puntare su mobili vintage (ad esempio in ferro battuto) oppure in legno, se si vuole creare un ambiente in stile rustico.



Curare l’illuminazione del giardino

Quando cala la sera, anche il vostro giardino potrà iniziare a brillare, a patto però di aver curato un aspetto fondamentale come l’illuminazione. Una buona opzione, fra le altre cose 100% green, è l’utilizzo dell’energia solare: partendo da questa base, sarà poi possibile sbizzarrirsi per quanto riguarda l’estetica, scegliendo punti luce, lampade e lampioni fra mille stili diversi. Alcuni must che non possono mai mancare sono le lampade segna-passi, posizionate strategicamente lungo i vialetti calpestabili. E non serve che vi preoccupiate della spesa di un impianto fotovoltaico: si tratta di luci che sono in grado di immagazzinare l’energia del sole di giorno e di sfruttarla la sera per illuminare il giardino, in autonomia.



Le piante per arricchire l’outdoor

Un giardino senza piante? Una soluzione che non può essere mai contemplata. Le piante diventano infatti un modo per unire l’utile e il dilettevole: arricchiscono il design degli spazi esterni rendendoli più freschi e ombrosi. È chiaro che la scelta delle piante giuste deve dipendere in primis dalle dimensioni del giardino, e in secondo luogo dallo stile scelto. I rampicanti, per fare un esempio, sono ottimi per i pergolati, tipici dei giardini piccoli, mentre l’acer palmatum è una scelta perfetta per un giardino zen. La lista è davvero infinita, e include esempi di piante sempreverdi come il viburno tino, le colorate echinacee, le petunie, l’elleboro e la mahonia per le siepi. Se però siete preoccupati di aver un giardino troppo piccolo, ricordate che potete sempre pensare di decorarlo attraverso i vasi.





Valorizzare il giardino vuol dire saper incastrare soluzioni diverse, per creare un puzzle fatto di accoglienza e di armonia.


02/07/19

UN NUOVA LAMPADA DA TERRA.



Lo spazio è definito; è l'angolo giusto del living, quello con la presa comandata già predisposta, manca proprio solo la lampada.

E dopo attente ricerche finalmente è arrivata anche la lampada!

Sembra fatta su misura: dimensioni, materiali e colori...vale sempre la pena aspettare, prima o poi la soluzione giusta si trova. 

Ecco, allora vi presento la nuova arrivata: la lampada da terra FL1002 di Tomons.
Alta qualità, design contemporaneo e struttura semplice, talmente semplice che è composta solo da 3 elementi:
- treppiede,
- cavo d'alimentazione
- paralume. 

Tempo di montaggio previsto, massimo 7 minuti ( ho fatto le prove!).


Il treppiedi è in legno chiaro, mentre il paralume è composto da una struttura in metallo verniciato e un nastro in poliestere, tutto bianco, realizzato con un fissaggio a velcro molto pratico e funzionale. Con un'altezza totale di 148 cm ed un diametro di 45, questa lampada è ben proporzionata e non troppo ingombrante.

E la luce? lampadina a led 8 watt, rigorosamente calda, già in dotazione.

Se devo definire uno stile, senza dubbio dico stile scandinavo, per forme, colori e materiali. Lo stile scandinavo dona un'immediata sensazione di calore e purezza ed è caratterizzato da un senso di naturale armonia che lo rende molto versatile, ed è per questo che questa lampada da terra si adatta perfettamente in qualsiasi ambiente contemporaneo

#getinspired






photos by HomeTrotter

14/06/19

RISTRUTTURARE CASA. COME E PERCHE'.


State pensando di ristrutturare casa? Grandi lavori strutturali di edilizia o solo modifiche più soft di interior design?
In entrambi i casi state vivendo un periodo importante ed interessante della vostra vita. LA CASA, soprattutto per noi italiani, è fondamentale, è una delle nostre priorità. La vogliamo bella, accogliente, spaziosa e se possibile anche di proprietà, vero?
Quindi il momento in cui decidiamo di metterci mano è sicuramente impegnativo ma anche molto bello... vedere le nostre idee prendere forma, non è cosa da poco.

Impegnativo su diversi fronti: in primis quello economico, ma anche mentalmente e concettualmente ci si può sentire sotto pressione perché bisogna valutare molti aspetti e prendere numerose decisioni, a volte anche molto in fretta.

Bello, a prescindere da tutto. Colori, materiali, arredi, forme... quanto è bello imparare e conoscere tutti questi dettagli?




In tutto questo c'è un aspetto che non va sottovalutato che è la scelta dei professionisti che ci affiancheranno nel percorso di ristrutturazione: architetto, interior designer, impresa di costruzione, artigiani... 

Incominciando dall'architetto che ha un ruolo fondamentale fin dall'inizio, già durante la prima fase conoscitiva, durante la quale il cliente deve far capire quali sono le sue abitudini dell'abitare casa. Ci sono clienti che partono già con le idee molto chiare e altri che invece hanno proprio bisogno di un professionista per riordinare i pensieri, chiarirsi dubbi e perplessità e definire il proprio stile. L'abitazione deve rispecchiare i suoi abitanti, in qualche modo de riuscire a descrivere la personalità di chi la occupa; deve essere comoda e soprattutto ci si deve sentire a proprio agio, "a casa" appunto.

Per affrontare tutto questo nel migliore dei modi c'è HOMEDEAL, il sito che ti permette di trovare i miglior professionisti per la tua casa. E' molto chiaro e semplice ma soprattutto ricco di informazioni importanti, sia a livello di budget che di suggerimenti e consigli, con più di 700 professionisti affiliati  e 100 servizi diversi.

Ecco come funziona > > >
  • descrivi il tuo progetto
  • confronti i preventivi 
  • scegli il tuo professionista 
  • condividi i risultati
Cosa aspetti? Inizia il tuo progetto!






 via


27/05/19

BOUTIQUE HOTEL: CasaCook, Creta.



L'estate comincia qui, al Casa Cook di Creta. Un boutique hotel dal design contemporaneo e ricercato. 
Comincia qui perché questo hotel è nuovissimo ed aprirà proprio questo giugno la sua prima stagione di attività.

Ma cos'ha di speciale questo hotel? Moltissimi dettagli: a partire dalla piscina privata per ogni camera, fino allo speciale villaggio (perché chiamarlo kids club sarebbe troppo riduttivo) dedicato ai bambini. 

Un boutique hotel pensato per la famiglia moderna, il rifugio perfetto per riposarsi e rigenerarsi. 
Natura e relax si fondono magicamente insieme creando spazi speciali, ricchi di sentimento e atmosfere accoglienti e private.

Uno stile particolare pervade questo hotel, con i colori della terra e della natura  che definiscono gli spazi: tutte le nuance dei beige, corda e sabbia abbinati ai grigi e al nero - sempre opaco - come la finitura della rubinetteria in bagno ( tutta Bongio design ).

Avete ancora dubbi su dove andare in vacanza questa estate?




 




Via


03/05/19

CONDIZIONATORI E INTERIOR DESIGN: come integrare tecnologia e design.



Argomento interessante ma non facile da affrontare. I condizionatori sono indispensabili in casa al giorno d'oggi, ma per i design addicted come noi, sono elementi impegnativi da collocare. 

Un condizionatore deve assicurare il massimo benessere in casa, quindi prima di tutto bisogna scegliere ed acquistare un prodotto efficiente, ma poi, visto che anche l'occhio vuole la sua parte, è importante trovare l'unità interna, che è quella che diventa parte integrante dell'arredamento, che sia il più minimal e moderno possibile, in modo che si integri e si confonda al massimo con l'arredo circostante.

I casi sono due:

1) il progetto prevede una nuova costruzione o una ristrutturazione importante, quindi l'impianto di condizionamento viene completamente integrato nei lavori di muratura; pareti e controsoffitti in cartongesso aiutano molto in questi casi a disegnare spazi ad hoc per alloggiare tutta la parte tecnica. In questo modo si vedranno solo i tagli nelle pareti che corrisponderanno alle bocchette di uscita dell'aria (come nella prima immagine). 

2) il progetto prevede solo l'installazione dei condizionatori d'aria in un'abitazione che non necessita di lavori di ristrutturazione. In questo caso bisogna puntare tutto sull'estetica del prodotto che sia il più lineare possibile ed eventualmente giocare sui colori: col classico total white non si sbaglia mai ma prendere in considerazione anche tonalità più scure o più decise può permettere di creare un bell'effetto.





Oltre all'aspetto estetico, per noi fondamentale, sapete quali sono le caratteristiche principali che bisogna tenere in considerazione quando si acquista un condizionatore?

- la tipologia: monosplit, multisplit, o eventualmente anche mobile
- la classe energetica
- la silenziosità
- la potenza 
- la capacità di raffreddamento

E' fondamentale informarsi, e conoscere il prodotto che si vuole acquistare per fare una scelta consapevole, ed è importante affidarsi a professionisti - ad uno specialista dell'aria condizionata in questo caso - che conosce perfettamente l'argomento e può rispondere ad entrambe le necessità, sia tecniche che estetiche e soprattutto valutare insieme a voi i prezzi dei condizionatori.

Stiamo parlando di un acquisto importante, quasi strategico direi, perché correlato a tutta una serie di benefici legati alla qualità della vita in primis ma anche ad un possibilità di risparmio economico non trascurabile.




 via

13/04/19

ILLUMINARE CASA per valorizzarla risparmiando. 4 consigli utili.


Valorizzare gli ambienti di casa non è sempre così semplice come potrebbe sembrare e in questo l’illuminazione ricopre un ruolo decisivo. 

E allora come fare per avere una casa luminosa? E soprattutto, come avere una casa luminosa senza rassegnarsi a bollette stratosferiche? 

Ecco alcune soluzioni pensate per chi vuole avere una casa ben illuminata valutando le varie soluzioni possibili e il loro rapporto resa/costo.

1) Valutare le tariffe più vantaggiose. Bisogna innanzitutto intervenire a monte, scegliendo un fornitore energetico che offra soluzioni giuste per le proprie esigenze. Fate qualche ricerca per trovare quello che fa al caso vostro: oggi la scelta è davvero ampia e alcuni nuovi operatori del settore prevedono anche delle tariffee della luce agevolate per la seconda casa, ad esempio, ideali in ottica di ottimizzazione e risparmio.

2) Sfruttare la luce naturale. Una casa con una buona esposizione alla luce naturale ha sempre una marcia in più: ciò è legato al fatto che all'occhio risulta più gradevole la luce del sole rispetto a quella artificiale, dunque è bene sfruttarla al massimo, quando possibile.
Oltre a un chiaro vantaggio dal punto di vista estetico, bisogna anche pensare a quello economico: meglio quindi far entrare più luce esterna possibile che affidarsi ai sistemi di illuminazione artificiali che, per quanto belli, hanno il loro peso in bolletta.

3) Preferire arredi e pavimenti chiari. Nel caso in cui l’abitazione non goda di una buona esposizione o abbia, ad esempio, delle finestre strette e piccole, è bene compensare questa mancanza con arredi molto chiari, che faranno apparire la casa molto più luminosa. Lo stesso discorso vale per la pavimentazione: meglio scegliere ad esempio un parquet di legno chiaro invece che scuro, o piastrelle a tinta unita di nuance color pastello.

4) Posizionare gli specchi in modo strategico. Oltre a essere degli ottimi alleati in caso di ambienti dalle dimensioni ridotte, gli specchi aiutano anche a diffondere la luce in casa. Provate a posizionarne alcuni (meglio se di dimensioni medio-grandi) nelle zone meno illuminate e noterete un cambiamento eccezionale!

Sapete quali sono gli errori più frequenti?
Alcuni piccoli errori che commettiamo potrebbero sembrarci banali eppure vanno a intaccare proprio la riuscita di una buona illuminazione in casa. Il posizionamento delle lampade, ad esempio, è uno dei fattori più importanti: se si puntano le lampade verso il pavimento e non verso il soffitto, infatti, non si favorirà la diffusione della luce e contemporaneamente si tenderà a utilizzare più fonti di luce, con tutte le conseguenze del caso in termini di spesa.

Un altro fattore spesso sottovalutato che può rendere difficile l’ottenimento di una giusta illuminazione in casa è l’eccessiva presenza di mobili: ambienti con meno mobili e in generale meno caotici dal punto di vista dell’arredo risultano infatti molto più luminosi e spaziosi.






08/04/19

MILANO DESIGN WEEK. FUORI SALONE 2019. COSA VEDERE.



Pronti per la Milano Design Week? Avete già stilato la lista di quello che volete assolutamente vedere al Fuori Salone quest'anno?
Ho un'installazione speciale da suggerirvi: un'installazione inedita a grande impatto emozionale. un'esplosione di creatività che riunisce e reinterpreta materiali diversi, dal marmo, all'ottone, ai tessuti, alle luci...
Intitolata ACollection, è una vera e propria mostra di forme, colori e materiali reinterpretati dall'estro dell'architetto Andrea Castrignano che nel suo Headquarter milanese di via Adige ha voluto creare qualcosa di veramente speciale per l'occasione, mettendosi alla prova come Product Designer. 

Passione stile ed eleganza sono i protagonisti di questo progetto.

Tra i vari prodotti in mostra i più curiosi li vediamo in primo piano proprio nella prima immagine. Tubi e maniglie che in realtà sono bocche d'erogazione e leve d'apertura di rubinetti iconici del design italiano, primo fra tutti il miscelatore Bowling della rubinetteria Bongio.

ACollection la trovate in mostra dal 9 al 14 aprile a Milano in via Adige 11.





29/03/19

LA PRIMAVERA È ARRIVATA. È tempo di arredare e vivere gli spazi esterni.


La primavera è arrivata. Sole, temperature miti,  giornate che si allungano... è tempo di cominciare a vivere all'aperto! Sfruttare gli spazi esterni, grandi o piccoli che siano, mette di buon umore, fa bene a corpo e mente, rilassa e cambia la percezione di tempo e spazio e magicamente tutto sembra più bello e più grande.

Iniziate con la prima pulizia generale per togliere il grigiore accumulato nei mesi freddi; una volta in ordine capirete meglio cosa manca. Oltre alla manutenzione ordinaria, solitamente si trova qualcosa da riparare, se non addirittura da cambiare, dei dettagli da aggiungere, lo stile da raffinare, le luci, gli arredi, le piante...

Ecco, le piante, appunto. Uno spazio aperto deve avere molte piante, tanto da risultare "verde" al primo colpo d'occhio... quando si dice greenmood! Che si tratti di giardino o di terrazzo, magari anche un piccolo terrazzo di città, non cambia l'impatto che dever avere nè tantomeno la sensazione che deve evocare. Calma, tranquillità e serenità sono le parole chiave che fanno da comune denominatore in questi casi e il verde è sempre protagonista e come tale va trattato da professionisti: i giardinieri


Parlo di professionisti e giardinieri perché dopo aver commesso personalmente un grosso errore in questo campo, consiglierò sempre di affidarsi ad un giardiniere anche per piccoli lavori. 
Non ho un giardino, ma un terrazzo e neanche enorme; il primo anno nella casa nuova decidiamo di arredarlo con qualche pianta, 2 piante in vaso per l'esattezza, niente di esagerato. Non ritenevamo proprio fosse il caso di interpellare un giardiniere per acquistare due vasi e due piante, tanto più che mi ero informata e sapevo esattamente  cosa volevo: due bei vasoni con dei bambù alti e slanciati, nient'altro. Detto, fatto. Acquistati, posizionati... tutto perfetto. Peccato che dopo qualche mese le piante si ammalano, cominciano a perdere foglie e a diventare scure, macchiando tutto intorno, muri e pavimento compresi.  A quel punto però non mi è bastato più chiamare il giardiniere per sistemare le piante, ma ci è voluto anche l'imbianchino per imbiancare i muri di tutto il terrazzo!

Quando capitano situazioni di questo genere realizzi chiaramente che il costo del giardiniere non è da considerarsi un costo, al  contrario un risparmio! meglio spendere il giusto periodicamente ed essere certi di avere tutto in ordine e ben fatto, piuttosto che rischiare danni più gravi che poi costa una fortuna sistemare.

Ora lasciatevi ispirare da questa photogallery e studiate come arredare e decorare i vostri spazi esterni, ma per la scelta delle piante... affidatevi ad un giardiniere professionista!







28/02/19

HOMETOUR. Un appartamento in Svezia.



Un appartamento svedeseÈ sempre un'ottima fonte d'ispirazione!
Total white, design icon e una bella dose di semplicità. Ecco gli ingredienti giusti per creare un ambiente stiloso e accogliente.

Il bianco che prevale sempre e la luce naturale molto valorizzata insieme ad un'evidente predilezione per i materiali naturali come legno e tessili grezzi, trasmettono un'immediata sensazione di calore e purezza.   

Quel disordine ordinato, il colore non colore, i dettagli precisi che sembrano casuali...
E la cucina a vista con due normalissime mensole in vetro? Apparentemente banali, ma qui stanno bene e hanno il loro perché.
... non si smette mai d'imparare e lo stile scandinavo ho davvero molto da insegnare!








via